Lottovolante pl@net

La casa più antica di Parigi, la casa di Nicolas Flamel: L'ALCHIMISTA!

« Older   Newer »
view post Posted on 22/6/2010, 10:17          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:



image

Maison du Haut-Pignon a 51, rue de Montmorency,
3 arr.-Paris- fermata Metrò Rambuteau.


A questo indirizzo di Parigi troverete, se vi capita di passare di là,
la casa più antica della città.

L'importanza di questo edificio non risiede solo nel primato che
le spetta di diritto poichè la sua costruzione risale al 1407,
dato comunque di tutto rispetto in una città estremamente ricca
di storia come Parigi.

Questa è la casa di Nicolas Flamel, L'ALCHIMISTA per eccellenza!

image




 
PM  Top
view post Posted on 22/6/2010, 10:43          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:



image

Nicolas Flamel (Pontoise, 28 settembre 1330 – Parigi, 1418),
scrivano e copista dell'Università di Parigi,
celebre alchimista francese del XV secolo.

Le leggende narrano che riuscì a perseguire due magici
traguardi dell'alchimia, quelli che sono ritenuti gli obiettivi principali
di questa pseudoscienza:

* Creò la pietra filosofale, in grado di trasformare il piombo in oro.

* Ottenne l'immortalità assieme a sua moglie Pernelle.



 
PM  Top
view post Posted on 22/6/2010, 12:43          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:



image

Nicolas Flamel proveniva da una modesta e dignitosa famiglia
che lo fece studiare. Divenne copista e in seguito giurista.
In quel tempo era un'attività redditizia e di notevole importanza,
poichè dava la possibilità di insegnare a leggere e a scrivere
anche a coloro che erano agiati e nobili, ma non lo sapevano fare.

Ma una notte la vita di Flamel subì una svolta decisiva.

Nicolas vide un Angelo in sogno e il messaggio
che ricevette dall'Angelo lo sconvolse.

“Guarda bene questo libro, Nicholas.
All’inizio non comprenderai niente di esso,
né tu né altri uomini.
Ma un giorno vedrai in esso quello
che nessun altro uomo
sarà capace di vedere.”


La cosa incredibile era che Nicolas non lo aveva mai visto dal vivo,
quel libro, e non lo vide fino ad un giorno del 1357,
quando lo riconobbe, in mano ad un venditore che non conosceva
e che stava per mandare via.

Quando notò il libro che teneva in mano, il cuore gli fece un balzo
in petto e si affrettò a comprarlo.

Racconta Flamel: “La legatura in solido ottone, dentro vi erano figure
e caratteri che non erano latini e neanche francesi.
Era stato scritto con una matita di piombo, su fogli di corteccia
ed era stranamente colorato.
Sulla prima pagina, in lettere d’oro, appariva questa dicitura:

Abramo l’Ebreo, Prete, Principe, Levita, Astrologo e
Filosofo alla nazione degli ebrei dispersa in Francia
(o fra i galli) dall’ira di Dio, augura Salute”.


Quindi seguivano grandi maledizioni e minacce contro chiunque
avesse posto i suoi occhi su esso senza essere un sacerdote o
uno scrivano. La parola misteriosa maranatha,
ripetuta parecchie volte su ogni pagina,
accresceva il senso di paura che incuteva il testo".

Nicolas era uno scrivano!

Perchè non aprire dunque quel libro?

Lo fece.


image

Questa serie di sette figure si dice sia una copia dall'originale
"Libro di Abramo l'Ebreo".
Non esistono versioni precedenti di queste immagini,
mentre ve ne sono alcune molto ben colorate in alcuni
manoscritti del tardo 17° secolo e del 18°.

image

Mercurio incontra Saturno

image

Dragoni planetari su una collina

image

I giardinieri

image

Il massacro degli innocenti

image

Il caduceo alato di Mercurio

image

Il serpente crocifisso

image

Serpenti sulle colline



Edited by Sad Calipso - 25/6/2010, 18:18

 
PM  Top
view post Posted on 22/6/2010, 19:46          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:


image

Il testo si rivelò di assai ardua comprensione, con iconografie
che Flamel non poteva interpretare. Tuttavia Flamel intuì che
c'era un messaggio sotteso in esse, una metafora che ormai
doveva cogliere. Anzi,comprese che era il percorso da seguire
per giungere alla trasformazione del piombo in oro,
della materia in spirito.

Non fu avida volontà di raggiungere ricchezza e potere,
quella di Flamel, ma la perseveranza di lavorare su se stesso,
di sentirsi investito di una missione divina, e Dio sarà sempre
la Grande Luce, il Fuoco per lui.

Senza l'aiuto divino, egli era conscio che non sarebbe mai
arrivato a comprendere il 'grande segreto della Natura',
dunque iniziò a lavorare dentro di sè, con l'aiuto della moglie
Pernelle -animicamente a lui affine- e contemporaneamente
intuendo che necessitava di ulteriore conoscenza, che non possedeva.

Sempre Dio avrebbe guidato i suoi passi. Era conscio che doveva
fortificarsi per sopportare la tempesta di luce che l’avrebbe scosso
nel momento in cui la verità avesse preso il suo cuore.

Solo allora riuscì a realizzare il suo desiderio.
Perchè qualsiasi cosa di buono e di grande possa accadere ad
un uomo, esso non è che il risultato della coordinazione dei suoi
sforzi volontari e del malleabile destino.

image


 
PM  Top
view post Posted on 22/6/2010, 20:52          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:



image

"Prega, leggi, leggi, leggi, rileggi, lavora e allora troverai"(Mutus Liber,XIV Tavola)*


Fu un percorso lungo e faticoso per Flamel che richiese
ben vent'anni di instancabile ricerca.

Flamel fu anche sviato nelle operazioni alchemiche dai falsi
insegnamenti di un tale Anselmo, un medico che si professava
in grado di svelargli i segreti contenuti nel mirabile libro.

Sfibrato, decise di aver bisogno del supporto di un esperto in
Cabbala ebraica, dal momento che il libro era scritto in
ebraico antico. A quel tempo, però, gli Ebrei erano stati espulsi
dalla Francia perchè perseguitati e molti si erano stabiliti
in Spagna sotto i più illuminati domini arabi.

Nelle sinagoghe, centri di Cultura preminenti, si studiavano e
traducevano manoscritti antichissimi.

Partì quindi per la volta della Galizia, come pellegrino,
per San Giacomo di Compostella dove andò subito a fare voto.

Cercò per anni qualcuno che potesse aiutarlo, ma trovò diffidenza
in quanto era europeo e soprattutto francese fino a che
-quasi sulla via del ritorno- a Lèon, venne messo in contatto con
Maestro Canches, che finalmente si dimostrò in grado di dargli
l'aiuto di cui era alla ricerca.

Il libro di Abramo, gli disse, era un manoscritto che si credeva
ormai perduto e Canches si irradiò di luce quando lo vide tra
le mani di Flamel.

Nicolas aveva all'incirca 50 anni, la moglie Pernelle lo
attendeva a casa e mandava avanti gli affari di famiglia.
Nicolas non vedeva l'ora di tornare a riabbracciarla.
Propose a Canches di ritornare insieme a Parigi, dove
avrebbero potuto fare le loro ricerche di alchimia.

Tra il Maestro e Nicolas si stabilì un legame di fratellanza.
Canches non conosceva, con tutta probabilità, integralmente
il segreto contenuto nel libro, ma decise di seguire Flamel a
Parigi, dove avrebbero potuto studiarlo a fondo.

Era ebreo, però, e non avrebbe potuto entrare in città.

Arrivò perfino a convertirsi pur di raggiungere lo scopo prefisso,
ma in pochi giorni morì a causa di una malattia e
Flamel lo seppellì nella chiesa di S.Croce.

Prima di morire, Canches rivelò a Flamel il significato della
formula misteriosa sulla quale avrebbe dovuto concentrarsi
e continuare a lavorare.

Ora, Flamel, doveva proseguire da solo.
Quel po' che aveva appreso da Maestro Canches doveva bastargli.
Trascorse più di tre anni a completare la sua conoscenza,
ma alla fine di questo periodo, la trasmutazione fu compiuta.

Avendo imparato quali materiali fosse necessario mettere insieme,
seguì strettamente il metodo di Abramo e il 17 gennaio 1382
cambiò una libbra di piombo in argento, e il 25 aprile fece lo stesso
per ottenere oro puro.


E simultaneamente, compì la stessa trasmutazione nella sua anima.


Dalla sua passione, mischiata in un invisibile crogiolo,
riuscì ad emergere la sostanza dello spirito eterno.

image



Edited by Sad Calipso - 25/6/2010, 18:56

 
PM  Top
view post Posted on 23/6/2010, 19:13          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:




image

Da questo momento, secondo i dati storici, il piccolo venditore
di libri divenne ricco. Creò molte case di ricovero per poveri,
fondò tre ospedali, e fece ingenti donazioni alla chiesa.

Ma non usò mai le sue ricchezze per accrescere il suo
benessere personale, o per soddisfare le sue vanità.

Non cambiò niente della sua vita modesta.

Con Pernelle, che lo aveva aiutato nella ricerca della
Pietra Filosofale, dedicò la sua vita ad aiutare il prossimo.

"Marito e moglie soccorsero poveri ed infermi, fondarono ospedali,
costruirono o ripararono cimiteri, restaurarono la facciata di
Saint Genevieve des Ardentes e contribuirono all'istituzione di
molti istituti di cura" secondo lo storico Louis Figuier.

Nello stesso tempo in cui imparava come far derivare l'oro da
qualsiasi materiale, acquisiva il potere di scrutare nelle
profondità del suo cuore.

Grazie al libro di Abramo l'Ebreo, raggiunse l'appagamento
dei sensi e delle pulsioni. Sapeva che l'uomo ottiene l'immortalità
attraverso la vittoria dello spirito sulla materia, per una purificazione
essenziale, e per la trasmutazione dell'uomo nel divino.

Dedicò l'ultima parte della sua vita a quello che i cristiani chiamano
il lavorare per la salvezza personale.

Ma lui ottenne il suo scopo senza ascetismi o fretta, mantenendo
l'umile ruolo che il destino gli aveva assegnato, continuando a
copiare manoscritti, comprando e vendendo nel suo nuovo negozio
nella rue de St. Jacques la Boucherie.

Non ebbe mai la tentazione di divulgare il segreto che lo aveva
rincuorato dopo la lettura del libro, poiché sapeva che la rivelazione
del segreto ad un'anima non preparata poteva solo
accrescere lo stato di imperfezione della stessa.

Malgrado sapesse come fare l'oro, Flamel realizzò "la Grande Opera"
solo tre volte nell'intera vita e mai cambiò il suo stile di vita: tentò solo
di alleviare il male che vedeva attorno a sé.

E questo è il segno tangibile del fatto che raggiunse
davvero lo status di adepto.



Sui passi di Nicolas Flamel


 
PM  Top
view post Posted on 23/6/2010, 19:38          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:



Flamel trascorse gli ultimi anni della sua vita
senza speciali eventi scrivendo libri di alchimia.
Era realmente la vita di uno studioso,
si svolgeva tra la sua casa alla rue de Marivaux
e il suo negozio.

Passeggiava nel Cimitero degli Innocenti, perché
immaginava che i morti ne avessero piacere.

Trattò bellissimi volumi di pergamena, miniò messali.

Prestò la dovuta attenzione a Pernelle quando divenne
anziana (aveva qualche anno in più di Nicolas),
e sapeva bene che la vita offre poche cose
migliori della pace di un lavoro quotidiano e
di una calma affezione.

Inizia qui, però, l'ennesimo mistero che avvolge la vita
di Nicolas Flamel e di Pernelle.

Flamel stesso pianificò come dovesse essere seppellito:
alla fine della navata di Saint Jacques la Boucherie.

La lapide per il suo corpo era già stata fatta: da Flamel!
(Attualmente la lapide è conservata all'Hotel de Cluny di Parigi.)


image




 
PM  Top
view post Posted on 23/6/2010, 19:56          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:


image

La scritta sulla lapide dice:

"Fuoco (luminoso) Nicolas Flamel precedentemente
scrivano ha lasciato ad opera di questa chiesa
alcune entrate e case di cui aveva fatto acquisizione
e comperate al suo diletto per fare certo servizio
divino e distribuzioni di denaro ciascun anno
per elemosine che toccano i quindici venti,
l'hotel Dieu ed altre chiese ed ospedali di Parigi.
" Siano pregati qui i defunti".

Poi vi sono due righe sotto l'uomo disteso (che ha un
cartiglio uscente dalla bocca) che dicono a grandi linee
che terra siamo e in essa ritorniamo.
Queste parole fanno capire come Flamel non avesse
intenzione di eludere la morte,
considerata come transizione naturale.

I fatti invece direbbero il contrario!

Flamel -entrato nel mito- fu 'visto' varie volte durante
le epoche. Un fatto quantomeno 'inspiegabile' è che
nel XVII secolo un archeologo (Paul Lucas) mandato
dal re Luigi quattordicesimo in Oriente per effettuare
delle ricerche per conto della Francia, testimoniò in
un libro, Voyage dans la Turquie, pubblicato nel 1719,
di aver avuto notizie di Flamel da un filosofo,
appartenente ad un gruppo di Sette Saggi,
che periodicamente, ogni 20 anni, si trovavano in
un luogo del mondo.

In quell'anno si riunivano nella località di Broussa,
dove si trovava l'archeologo in missione.
Il saggio gli raccontò che loro possedevano la
Pietra Filosofale e di conseguenza l'Elisir di Lunga Vita,
e che anche Flamel, in Occidente, la possedeva
ed era uno dei Saggi.
Paul Lucas restò di sasso, apprendendo come
quell'uomo potesse conoscere non solo Flamel
ma la maniera in cui avesse ricevuto il Libro di Abramo,
prima di allora ignorata.

Il saggio rivelò che Flamel e Pernelle erano vivi
e si trovavano in India.


 
PM  Top
view post Posted on 23/6/2010, 21:03          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:




Bassorilievo regalato da Flamel alla chiesa del Cimitero degli Innocenti.
Esso conterrebbe indicazioni e simoli costituenti la formula per la Pietra filosofale.


image


L'ipotesi dell'immortalità di Flamel fu suffragata
dal fatto che il suo corpo non giaceva nella tomba.

L'improvvisa ed estrema ricchezza di Flamel suscitò
gelosie e maldicenze negli ultimi periodi della sua
vita e fu così che, subito dopo la sua morte, molti
loschi individui si misero alla ricerca della
reale fonte della sua fortuna.

Vennero depredati molti oggetti
a lui appartenuti, la sua casa venne spogliata,
e la tomba venne messa a soqquadro,
ma del corpo di Flamel non v'era traccia.

Era appena morto quando la notizia dei suoi poteri alchemici
e di un'enorme quantità d'oro nascosta da qualche parte,
si diffuse per Parigi e per il mondo.
Chiunque si trovasse alla ricerca della famosa polvere del
progetto che mutava tutte le sostanze in oro
iniziò a vagare per tutti i luoghi dov'egli aveva vissuto,
nella speranza di trovare una minuta porzione della
preziosa polvere.

E' stato detto anche che le figure simboliche che
aveva fatto scolpire su vari monumenti sepolcrali,
per coloro che le potevano decifrare, costituivano la formula
per la Pietra dei Filosofi.

In molti, alchimisti e non, giunsero in pellegrinaggio
per studiare la sacra scienza sulle pietre della casa
di Montmorency, di Saint-Jacques la Boucherie e
del Cimitero degli Innocenti.

Le sculture ed iscrizioni furono rimosse dalle loro sedi.
Le celle della sua casa furono ispezionate e le pareti esaminate.

Ma nulla fu rinvenuto, nemmeno il Libro di Abramo l'Ebreo.





 
PM  Top
view post Posted on 25/6/2010, 19:19          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:


Cosa accadde allora al libro di Abramo l'Ebreo?

Nicholas Flamel aveva lasciato i suoi documenti e l'intera biblioteca
ad un nipote di nome Perrier, che era interessato all'alchimia e al
quale era molto affezionato.

Non si seppe più niente di lui.

Senza dubbio beneficiò degli insegnamenti di suo zio e trascorse
una vita da saggio nell'oscurità che Flamel aveva apprezzato così
caramente, ma non era stato capace nel contempo di mantenere
durante gli ultimi anni della sua vita.

Per due secoli la preziosa eredità passò di padre in figlio, senza che
nessuno ne avesse notizia.

Tracce di essa si trovano solo nel regno di Luigi XIII.
Un discendente di Flamel, di nome Dubois, che doveva possedere
qualche conoscenza circa la polvere del progetto, gettò all'aria la saggia
riservatezza dei suoi predecessori, e usò la polvere per stregare i suoi
contemporanei.

Alla presenza del Re, si dice che mutò palle di piombo in oro.

Come risultato di questo esperimento, ebbe molti incontri con il
Cardinale de Richelieu, che sperava di poter carpire il suo segreto.
Dubois che possedeva la polvere, ma non era capace di comprendere
né i manoscritti di Flamel né il Libro di Abramo l'Ebreo, non poteva essere
per loro di nessun aiuto e fu imprigionato a Vincennes.

Fu trovato che aveva commesso certe offese in passato, e questo rese
Richelieu in grado di farlo condannare a morte e confiscare la sua intera
proprietà. Allo stesso tempo le guardie di Chitelet, senza dubbio
per ordine di Richelieu, confiscarono la casa che Flamel aveva
posseduto e cominciarono a cercare da cima a fondo.

Per vari mezzi, si crede che Richelieu prese possesso del libro di Abramo l'Ebreo,
costruì un laboratorio alla Chateau di Rueil, che spesso visitava per leggere
attentamente i manoscritti del maestro e per tentare di interpretarli.

Ma ciò che un saggio come Flamel era stato capace di comprendere solo
dopo ventuno anni di meditazione, non poteva essere immediatamente
accessibile ad un politico come Richelieu.

La conoscenza della mutazione della materia, della vita e della morte,
è più complessa dell'arte di pianificare strategie o amministrare un regno.

La ricerca di Richelieu non diede buoni risultati.

Alla morte del cardinale, tutte le tracce del libro andarono perdute,
o piuttosto tutte le tracce del testo, perché i diagrammi sono spesso
stati riprodotti.

Infatti il libro deve essere stato copiato, perché è registrato nel XVII secolo
che l'autore del Trésor des Recherches et Antiquités Gauloises fece un viaggio
a Milano per vedere la copia che apparteneva al Signore di Cabrieres.
In ogni caso, il misterioso libro è scomparso per adesso.
Forse una copia o lo stesso originale riposa sotto la polvere di qualche
biblioteca di provincia. E può essere che un destino saggio lo manderà
al momento opportuno ad un uomo che avrà la pazienza di ponderarlo,
la conoscenza per interpretarlo, il sapere di non divulgarlo troppo presto.

image


 
PM  Top
view post Posted on 25/6/2010, 19:56          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:




Copia del Breviario di Nicolas Flamel trascritto nel diciannovesimo secolo da Albert Poisson.


image

Grazie al meraviglioso Libro di Abramo l'Ebreo tutti gli alchimisti
dei secoli seguenti hanno avuto l'opportunità di ammirare un
esempio di vita perfetta, quello di Nicholas Flamel,
l'uomo che ricevette il libro.

Dopo la sua morte o scomparsa, molti studenti ed alchimisti
che hanno dedicato le loro vite alla ricerca della Pietra Filosofale,
disperarono di riuscirvi per non avere in loro possesso lo splendido
libro che conteneva i segreti dell'oro e della vita eterna.

Ma la loro disperazione era fuori luogo.

Il segreto era diventato vivo.

La formula magica si era incarnata nelle azioni di un uomo.

Nessun lingotto d'oro vergine fuso nel crogiuolo avrebbe potuto,
in colore e purezza, eguagliare la bellezza della saggia vita
del dotto venditore di libri.

image

La leggenda ha aggiunto qualche dettaglio alla figura
dell'alchimista Flamel.

Ma in ogni piccolo spazio in cui germogliano i fiori della
leggenda, si può trovare, al di sotto, un solido terreno di verità.

La biblioteca Nazionale di Parigi contiene lavori copiati dalle sue
stesse mani e originali opere scritte di suo pugno.

Tutti i documenti ufficiali relativi alla sua vita sono stati trovati:
il suo contratto di matrimonio, le sue donazioni o lasciti, le sue volontà.

La sua storia personale riposa solidamente in queste prove materiali e
sostanziali di cui normalmente si ha bisogno per credere nelle cose.

E soprattutto esiste la casa al numero 51 di rue Montmorency, a Parigi
che misteriosamente resiste al tempo da ben 600 anni.





Nel video si vede un reportage sul 3^ arrondissement di Parigi, e in particolare del suo pezzo forte, la casa
di Flamel. Un appassionato ed esperto della storia di questo quartiere, Mr. Czarny, spiega a grandi linee la
storia di Flamel e poi pone l'attenzione sui simboli scolpiti nella pietra del portale della casa.
Vengono quindi ben inquadrati le iniziali di Nicolas, N, e un simbolo, misto tra F e P, di Flamel e Pernelle.
La casa è oggi un Hotel Ristorante.



Edited by Sad Calipso - 26/6/2010, 09:42

 
PM  Top
view post Posted on 26/6/2010, 09:44          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:




Nella narrazione fin qui svolta si è sempre dato risalto alla forte
fede in Dio che è stata alla base del percorso di Flamel.
Con le immense ricchezze a sua disposizione Flamel e la moglie
si adoperarono per consolare ed aiutare il prossimo, e per questo
Flamel aveva disposto nel suo testamento che la casa di rue
Montmorency venisse adibita, dopo la sua morte, ad accogliere e
dare rifugio ai poveri.

Le ultime volontà del benefattore non furono mai rispettate e,
poco dopo la scomparsa del proprietario, la casa era già affittata
a locatari paganti.

Ancora oggi, dopo alcune ristrutturazioni, è un Hotel e un Ristorante.



L'Auberge Nicolas Flamel.

Ecco il sito dell'Hotel www.auberge-nicolas-flamel.fr/




 
PM  Top
view post Posted on 26/6/2010, 10:10          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:



image


Dopo 600 anni, i saccheggi dopo la morte di Flamel, le rivoluzioni e
le guerre, oggi l'interesse della costruzione risiede soprattutto nella
facciata, che ostenta una ricca serie di graffiti con sentenze e allegorie,
purtroppo difficilmente decifrabili.

image


Nei bassorilievi, riconoscibile dalle iniziali, compare Flamel stesso,
imberbe, la testa avvolta in un turbante; tra porte e finestre si notano
invece piccoli personaggi barbuti, coperti da grandi mantelli e da berretti
a punta, che recano in mano i filatteri sacri sui quali dovevano anticamente
essere scolpiti dei salmi.


image


 
PM  Top
view post Posted on 26/6/2010, 10:43          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:



image image

image image

Al centro della facciata, quattro angeli suonano il liuto, la chitarra e l'organo
poichè la musica è simbolo dell'aromnia che regna tra gli elementi e
simboleggia anche il risveglio delle anime dopo la morte.


Lungo tutta la cornice si snoda una lunga iscrizione in
caratteri gotici che rivela lo scopo umanitario dell'opera di Flamel.


"Nous, hommes affranchis laboureurs demeurant au porche de cette
maison qui fut faite en l’an de grace mille quatre cent sept, nous
sommes tenus chacuns de dire tous les jours un "Pater noster "
et un "Ave Maria " en priant Dieu que dans sa grace il pardonne
aux pauvres pécheurs trépassés. Amen".



image


"Noi, uomini e donne che lavoriamo, abitando in questa casa, fatta
nell'anno di grazia 1407, siamo tenuti a recitare ogni giorno un
"Padrenostro" e un "Ave Maria" pregando Dio che nella sua grazia
perdoni i poveri peccatori trapassati. Amen."



 
PM  Top
view post Posted on 26/6/2010, 11:05          

Advanced Member

Group:
Pl@net Staff
Posts:
3,439

Status:




ALCUNE FOTO STORICHE DELLA CASA DI RUE MONTMORENCY.


image


image


image

I lavori durante l'ultima ristrutturazione.

image


image


L'edificio oggi.


image

Dettaglio della scala d'epoca tuttora in uso nell'albergo.

image


 
PM  Top
16 replies since 22/6/2010, 10:17