Lottovolante pl@net

Reply

La grande guerra ( La Grande Guerre ), René Magritte, 1964

« Older   Newer »
view post Posted on 27/5/2011, 21:13           Quote
Avatar

Senior Member

Group:
Amministratore
Posts:
40,391

Status:






René Magritte
La grande guerra
( La Grande Guerre )
1964
Olio su tela
65X54cm
Collezione privata







C'è il solito anonimo signore con la bombetta, che si staglia a mezzobusto sullo sfondo di un cielo incupito; e c'è una bella mela verde, che rifiuta ostinatamente di stare dove dovrebbe per conquistarsi il centro della scena, il punto dove corre naturalmente lo sguardo quando ci si trova di fronte a un ritratto: quello normalmente occupato dal volto della persona ritratta.

Il titolo, ''La grande guerra'', è lo stesso di un altro quadro che presenta una donna in abito bianco, con borsetta, ombrellino e cappello piumato, a passeggio sul lungomare, il cui sguardo si nasconde, questa volta, dietro un grazioso ed elegante bouquet.

''...abbiamo la faccia apparente la mela, che nasconde ciò che è visibile ma nascosto, il volto della persona. E' qualcosa che accade in continuazione...C'è un interesse in ciò che è nascosto e che il visibile non ci mostra. Questo interesse può assumere la forma di un sentimento decisamente intenso, una sorta di conflitto, direi, tra il visibile nascosto e il visibile apparente''.

Da qui il senso del titolo, che accenna alla guerra fra le immagini scatenata dalla rivolta di due oggetti insignificanti, che contendono la condizione di ''visibilità'' ai volti dei due personaggi.

In questo caso la sovrapposizione ci colpisce perchè contravviene alle regole del buon senso, e alle consuete gerarchie che ordinano un'immagine di questo tipo: infatti, nessuno si stupisce se l'uomo con la bombetta cela alla vista una porzione del cielo, o se il vestito della donna nasconde allo sguardo parte del muro dietro di lei.

Peraltro è difficile che Magritte abbia assegnato questo titolo senza pensare all'evento reale che evoca, la Grande Guerra appunto: una guerra di trincee, di uomini che diventano numeri e che vengono spazzati via da oggetti non meno insignificanti di una mela o di un mazzo di fiori.

Una guerra che ha operato un annullamento della personalità di cui la cancellazione dei lineamenti del volto è efficace metafora. ( Mar L8v )


Edited by Milea - 11/7/2014, 17:13



lunalotto920

Lottovolante pl@net




stella35




NON MI ASPETTO NULLA: SONO TUTTO.

 
PM Email Web  Top
0 replies since 27/5/2011, 21:13
 
Reply